In Emilia Romagna nasce Mumu, una piattaforma per la valorizzazione dei beni culturali

Stampa

verso verdiMumu è l'acronimo di Museo Multiverso, un'idea nata per promuovere i beni culturali dell'Emilia-Romagna e che potrebbe avere sviluppo nel mondo del web. Mumu è stata presentata recentemente in Calinfornia a San Joss' all'International Conference on Multimedia and Expo.

Nato all'Istituto di Beni Culturali dell'Emilia Romagna permetterà ai gestori di musei, dimore storiche e altri monumenti di mettere a disposizione contenuti senza necessariamente avere le conoscenze tecniche per creare una app.

Il progetto è stato ideato da Marco Roccetti dell'Università di Bologna insieme a Marco Zanichelli, Cristian Bertuccioli e Andrea Marcomini del Dipartimento di Informatica dell'ateneo bolognese, che l'hanno completamente ideata, realizzata e progettata.

Iscrivendosi a Mumu tutti gli operatori dei beni culturali potranno rendere creare contenuti multimediali di tipo culturale e artistico e renderli disponibili agli utenti con una app per dispositivi Apple e Android. si tratta quindi di una piattaforma digitale, unica nel suo genere, finalizzata alla valorizzazione dell'immenso patrimonio culturale italiano permettendone la libera fruizione a diverse categorie di utenti.

Il primo progetto è stato dedicato al bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi: VersoVerdi è una nuova applicazione che consente un "viaggio all’interno dell’universo verdiano che si snoda attraverso 24 pianeti/musei emiliano-romagnoli che ricompongono il mondo di Verdi secondo rimandi inediti e legami di senso.

 

Fonte: Il Resto del Carlino

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI