Archeologia e nuove tecnologie, il caso della Banditaccia di Cerveteri

Stampa

Si è svolto il 6 giugno presso il Palazzo Patrizi Clementi di Cerveteri la presentazione dei risultati delle attività di ricerca e valorizzazione sul sito della Necropoli della Banditaccia, attraverso le nuove tecnologie promosse tra il 2013 e il 2017 dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale e dal CNR-ITABC.

Negli ultimi ultimi anni la Soprintendenza e l’Istituto per le Tecnologie Applicate ai Beni Culturali del CNR hanno svolto interventi di studio, documentazione e valorizzazione in diversi contesti della Necropoli della Banditaccia a Cerveteri con particolare attenzione al settore dei Grandi Tumuli e dell’Altipiano delle Onde Marine. Le attività di ricerca hanno portato a definire metodologie innovative di intervento che tengono unite le esigenze della documentazione a quelle della valorizzazione. Nella presentazione sono stati illustrati i risultati dei rilievi fotogrammetrici da drone (UAV) per la restituzione 3D e ancora le applicazioni progettate specificatamente per Cerveteri per la fruizione immersiva (Oculus) e l’esplorazione dello spazio 3D in contesto archeologico e museale. 

Nel corso della presentazione dello scavo all’altipiano alle Onde Marine, ultimato nel 2016 e che ha restituito un complesso monumentale di grande estensione, è stata mostrata la prima versione del tavolo touch 3D progettato e realizzato dal CNR-ITABC con fondi della legge 77 per l’esplorazione dello scavo.


(Fonte: Sovrintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria meridionale)

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI