L'app Gallerie dell'Accademia di Venezia disponibile anche per iOS

Stampa

Dopo il successo della versione per Android, l’applicazione mobile Gallerie dell’Accademia di Venezia approda sull’App Store. Sviluppata da ETT, è la prima applicazione multimediale pensata per orientare il visitatore con un racconto che si snoda tra le opere veneziane del Seicento (da Fetti a Strozzi), la grande pittura del Settecento (Giambattista Tiepolo) per concludersi con l’esperienza dei pittori accademici del Sette-Ottocento (da Domenico Pellegrini, a Francesco Hayez a Tranquillo Cremona).

L’app mobile, pensata per diverse tipologie di utenza (bambini, ragazzi, adulti), permette di approfondire alcuni aspetti e dettagli delle opere, alcuni non percepibili a prima vista. Tutto ciò consente di rendere la visita alle Gallerie dell’Accademia interessante anche per i bambini e per i ragazzi che potranno apprendere con una comunicazione più vivace e interattiva la storia del complesso architettonico e delle opere in esso contenute.

Giochi come la caccia al tesoro, indovina le differenze, puzzle e memory faranno apprezzare aspetti poco conosciuti delle opere esposte.

Sono inoltre presenti percorsi tematici, realtà aumentata (attraverso la quale è possibile vedere quanto emerso in fase di restauro), visualizzazione di punti di interesse dell’opera, oltre alla consultazione, per alcuni dipinti, di video di approfondimento.

Collegati agli Store per scaricare l’applicazione:
iTunes (iOS)
Google Play (Android)

 

Fonte: ETT (www.ettsolutions.com)

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI