#culturavivafvg Raccontare i beni comuni attraverso la rete

#culturavivafvg Raccontare i beni comuni attraverso la rete

Stampa

L’Istituto Regionale per il Patrimonio Culturale del Friuli Venezia Giulia (IPAC) ha tra i suoi compiti istituzionali anche quello di formare e aggiornare professionalmente quanti si occupano di tutela e valorizzazione dei beni culturali.

Per questi motivi l’IPAC ha finanziato e organizzato #culturavivafvg. Raccontare i beni comuni attraverso la rete. Percorso formativo sulla comunicazione digitale del patrimonio culturale, con il supporto dell’Accademia Digitale FVG - Insiel,  rivolto a musei, ecomusei, fototeche, mediateche, biblioteche e archivi del territorio regionale per sviluppare competenze e strumenti necessari all’utilizzo e al presidio del web e dei social networks.

L’iniziativa è un inedito percorso formativo sulla comunicazione digitale del patrimonio culturale: “i social media, il web 2.0 sono la nuova lingua franca”, ha spiegato Rita Auriemma, direttore dell’IPAC, “le statistiche dicono che gli italiani passano in media 4,7 ore al giorno su Internet, e non è quindi possibile pensare di sottrarsi a questa grande opportunità per le istituzioni culturali, che devono diventare imprese creative”.

La prima lezione del corso su “Il sistema dei beni culturali in Friuli Venezia Giulia. Il Contesto tecnologico” si terrà venerdì 1° aprile presso ll'Auditorium della Cultura di Gorizia (via Roma, 5).

 

 

Fonte: IPAC Friuli Venezia Giulia

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI