CHIMICARTE: Corso di divulgazione della chimica attraverso i beni culturali

Stampa

YOCOCU in collaborazione con PalermoScienza, Università degli studi di Palermo, Museo di Chimica Primo Levi dell’Università di Roma “La Sapienza”, Chimici per un’ora, Nebrodi Art Festival organizza CHIMICARTE, Corso di divulgazione della chimica attraverso i beni culturali. Il corso si svolgerà a Palermo dal 21 al 25 Settembre 2015.


Il corso, partendo dall’analisi delle attuali forme e dei metodi di divulgazione, utilizzerà un approccio laboratoriale per insegnare gli esperimenti e per fornire gli strumenti e le metodologie per divulgare la chimica nochè le discipline scientifiche ad essa correlate, a differenti livelli di approfondimento abbracciando il cittadino, dal bambino all’adulto. Le tematiche della comunicazione scientifica saranno affrontante utilizzando, quale approccio innovativo, il rapporto beni culturali e scienza.
I valori veicolati dal bene culturale, l’appartenenza alla specifica realtà territoriale e alla vita quotidiana del cittadino, saranno rapportati alle problematiche legate ai materiali dei beni, alle azioni dirette e indirette intraprese per limitare i processi di degradazione. Questo rapporto permette da un lato di trattare argomenti legati alla quotidianità, come l’acqua, l’ecologia, la vita… e dall’altro i nuovi orizzonti scientifici derivanti dal mondo della ricerca. I partecipanti al corso utilizzeranno subito le competenze acquisite realizzando uno stand di divulgazione all’interno della Notte dei Ricercatori 2015. Durante il corso i partecipanti ripeteranno ogni singolo laboratorio al fine di acquisirne la totale padronanza.

 

Evento su Facebook

 

Fonte: YOCOCU

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI