NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Martedì, 14 Giugno 2011 06:41

Sensori wireless a basso consumo da IBM per il Metropolitan Museum of Art

Sensori Low Power Mote IBMIBM e il Metropolitan Museum of Art hanno annunciato l'avvenuta installazione di una nuova rete di sensori senza fili per il monitoraggio ambientale presso il Museo chiamati Low Power Mote.

Questa tecnologia è stata recentemente installata ed è attualmente in fase di sperimentazione presso il museo, i chiostri e giardini, nel ramo del Metropolitan Museum dedicato all'arte e l'architettura dell'Europa medievale. Situato nel nord di Manhattan, contiene una raccolta di circa 3.000 opere d'arte, la maggior parte risalenti al 12° e il 15° secolo, che vanno dai manoscritti miniati di sculture policrome in legno, a dipinti e arazzi.


In un incontro presso il Metropolitan Museum of Art's Cloisters Museum di New York, Paolo Dionisi Vici, Associate Research Scientist presso il Dipartimento di Ricerca Scientifica del Metropolitan Museum of Art e Hendrik Hamann, Research Manager di IBM, hanno discusso la realizzazione di una nuova rete di sensori ambientali per gli edifici che aiuteranno il Museo-Chiostro a preservare alcuni dei grandi tesori storici del mondo.

"Questo progetto pilota ha le potenzialità per diventare uno strumento importante nelle iniziative in corso al Metropolitan Museum per raggiungere le migliori condizioni ambientali per la conservazione delle opere d'arte", ha detto Paolo Dionisi Vici, Associate Research Scientist presso il Dipartimento di Ricerca Scientifica del Metropolitan Museum of Art. "Questa nuova tecnologia offre in tempo reale, in modo dettagliato la condizione ambientale, e ora stiamo lavorando su un aggiornamento che servirà anche a monitorare le reazioni effettive delle opere d'arte all'ambiente. Questi sviluppi hanno il potenziale per noi di creare 'rilevamento ambientale' per le opere d'arte fornendo un feedback costante e permettendo a conservatori, curatori e esperti di impianti di ottimizzare i loro approcci per stabilire e adattare, se necessario, la mostra e le condizioni di conservazione."

Le opere d'arte sono molto sensibili alle fluttuazioni di temperatura, umidità relativa, e altre condizioni ambientali. Per conservare per i posteri, il clima nelle gallerie è strettamente controllato e sigillato per gli oggetti più delicati.

Lavorando con gli esperti del Metropolitan Museum  per affrontare il complesso ambiente connesso con la conservazione dell'arte, gli scienziati di IBM Research stanno implementando una soluzione completa chiamata Low Power Mote. Questa consiste nella raccolta dei dati con data e ora, attraverso una rete di sensori wireless, memorizzazione di dati con visualizzazione in tempo reale, modellazione e analisi. Ciò si traduce in una tecnica fisica di analisi ultra-low-power che, in combinazione con funzionalità di cloud computing, permette di monitorare il micro-ambiente e una modellazione accurata.

Nella fase iniziale, IBM ha schierato 100 sensori in punti strategici in diverse sale adiacenti del museo, consentendo il monitoraggio ad alta definizione del contesto che cattura le sottili dinamiche dello spazio. Sensori di temperatura, umidità, flusso d'aria, livelli di contaminazione, posizioni della porta, livelli di luce, e altro ancora. Tutti i dati vengono immessi in un software applicativo in cui è si avvia la modellazione per fornire informazioni dettagliate in tempo reale 3D sulla temperatura, umidità, e le distribuzioni del punto di rugiada. Una particolarità di questa tecnologia risiede nella sua capacità unica di analisi, che sfrutta diversi modelli basati sulla fisica per un funzionamento ottimale, ed i controlli che permettono di generare e visualizzare i flussi idrodinamici in tempo reale.

Grazie a questa esclusiva tecnologia di analisi, gli scienziati e i restauratori del Metropolitan Museum saranno in grado di sondare le variazioni climatiche localizzate su dettagliate mappe microclimatiche delle gallerie presso i chiostri. Le misure consentiranno anche agli scienziati del Museo di correlare la reazione di oggetti d'arte ai cambiamenti ambientali, al fine di sviluppare tests orientati agli oggetti e modelli predittivi per la conservazione più accurata delle opere d'arte.

"Questo progetto è un primo esempio di capacità di IBM di compiere analisi fisiche che possono aiutare a prevedere e fare previsioni di cambiamenti, e siamo lieti che possiamo collaborare con il Metropolitan Museum per conservare manufatti preziosi per le generazioni a venire", ha detto Hendrik Hamann, research manager, IBM Ricerca. "Questa tecnologia è emersa dal lavoro di IBM per l'ottimizzazione energetica degli spazi industriali, quali centri dati informatici, e rappresenta una migrazione di tale impostazione ad altri spazi industriali e pubblici, che possono utilizzare una vasta gamma di sensori collegati in rete. Che si tratti di un oggetto d'arte, o di qualsiasi criterio di controllo di altri oggetti all'interno di un edificio o un campus, gli operatori delle costruzioni hanno necessità di acquisire una migliore comprensione delle condizioni ambientali che influenzano i loro spazi. IBM Low Power Mote. La tecnologia può aiutare gli utenti che possono accedere ai dati fisici in tempo reale e alla loro interpretazione, consentendo rapide e accurate predizioni".

Per contatti e informazioni

Randy Zane
IBM Media Relations
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Elyse Topalian, Egle Zygas
The Metropolitan Museum of Art
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

(Fonte:
http://www-03.ibm.com/press/us/en/pressrelease/34696.wss)
Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:32
Altro in questa categoria: « Button Testimonial »

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo