NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Domenica, 17 Aprile 2011 08:03

Museo del Cairo gli oggetti rubati ritornano.

Aerial view of the pyramids of Abusir. (Photo: SCA archives)Apprendiamo dal blog del dottor Zahi Hawass, già direttore del Supreme Council of Archeology, ora appena nominato Ministro delle Antichità che i reperti rubati iniziano a tornare.
Il 6 Aprile 2011 Zahi Hawass è nominato Ministro delle Antichità in Egitto, aveva rassegnato le dimissioni appena un mese prima come apprendiamo da questa intervista riportata sul suo blog, da cui si evince quello che può essere stato il danno alle antichità apportato durante la rivoluzione.

 

D: Dr. Hawass, per molti anni sei stato l'immagine della moderna egittologia. Perché sei uscito ora?

R: "Lascio a causa di una serie di motivi importanti. La prima ragione è che, durante la rivoluzione del 25 gennaio, l'esercito egiziano ha protetto i nostri siti e il Museo Egizio del Cairo. Tuttavia, negli ultimi 10 giorni l'esercito ha lasciato questi posti, perché ha altri compiti da fare. Il gruppo ora incaricato della tutela di questi siti è la polizia turistica, ma non ci sono Poliziotti Turistici per fare nemmeno questo. Quindi, cosa succede? criminali egiziani, i ladri (si sa, in ogni rivoluzione le cattive persone appaiono sempre ...), hanno cominciato a distruggere le tombe.
Hanno danneggiato la tomba di Hetep-ka a Saqqara, la tomba di Petah-Shepses di Abu Sir e la tomba di una persona di nome Em-pi di Giza. Hanno attaccato un magazzino di stoccaggio a Saqqara e noi non sappiamo ancora come molti artefatti sono scomparsi, ma hanno aperto due magazzini di stoccaggio di Giza, una tomba datata al 19 ° dinastia, l'unica nel Delta, infatti, è stato danneggiato a Ismailia; e un negozio a El-Qantara East è stato aperto e saccheggiato per le antichità.
La gente ha cominciato a costruire case e a scavare di notte, ovunque, mettendo i siti del patrimonio in tutto il paese a rischio. Ho dovuto scrivere una relazione e l'ho inviata al direttore dell'UNESCO. Per questo motivo nel corso della riunione del gabinetto egiziano ieri ho avuto il mio discorso preparato già e ho detto: "Non posso stare in Egitto a vedere le antichità rubate quando non posso fare nulla per fermarle!" Questa situazione non è per me! Ho sempre lottato per far tornare i manufatti rubati in Egitto. Ho lottato contro Ahmed Ezz, l'uomo in seno al Parlamento, che era l'uomo più potente, perché voleva permettere che le antichità siano vendute in Egitto di nuovo.
Il secondo motivo è che ci sono due imbroglioni nel Dipartimento Antichità, che mi hanno accusato di aver rubato antichità e fare altre cose illegali per tutto il tempo. I loro file parlano di questo. Una terza persona ha cominciato a dire cose simili, un professore universitario che era il direttore Antichità per quasi 6 anni prima di me, che non ha mai combinato nulla in quel momento. Come un uomo corrotto, ha anche dato il suo permesso firmato per una ricca signora di un altro paese arabo a portare manoscritti fuori d'Egitto! Queste tre persone, incoraggiano i giovani egiziani, per protestare contro di me personalmente, per gridare fuori dal mio ufficio, che avevano bisogno di posti di lavoro. Purtroppo, non posso dare un lavoro a tutti, ma ho trovato i fondi per fornire quasi 2000 posti di formazione. In risposta alle voci orribili che sto rubando antichità. Come può essere?! Come può un uomo che ha dato la sua vita a proteggere e promuovere antichità, accusato in seguito di aver rubato loro?! A causa di tutte queste cose, credo che se rimango nella mia posizione per altri sei mesi, non sarò mai in grado di proteggere le antichità che amo e non sarò mai in grado di lavorare in questo pasticcio. Tutta la mia vita, ho scavato, scoperto, scritto libri e tenuto conferenze in tutto il mondo. Il mio lavoro ha portato molti turisti in Egitto, che aiutano la nostra economia. Ma ora non posso fare questo! Pertanto, ho deciso di rassegnare le dimissioni ".

 

{linkr:bookmarks;size:small;text:nn;separator:+;badges:p}

Ultima modifica il Giovedì, 12 Febbraio 2015 17:32
Altro in questa categoria: « Alert Map »

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo