Tecnologie digitali per i beni culturali, conferenza all'Ambasciata di Francia in Italia

Stampa

tecnologie-digitali-20giugnoL’Ufficio per la Scienza e la Tecnologia dell’Ambasciata di Francia organizza a Roma Venerdì 20 giugno 2014, alle ore 17.30 a Palazzo Farnese, Piazza Farnese 67, la conferenza “Tecnologie digitali per i beni culturali”.

Le politiche emergenti di digitalizzazione di contenuti culturali, insieme allo sviluppo crescente delle tecnologie per il trattamento di risorse, aprono una nuova era per la valorizzazione dei beni culturali. Oltre alle nuove implicazioni della conoscenza stimolate da sofisticati strumenti, questo settore offre al mondo culturale ed al grande pubblico nuove possibilità.
La conferenza si propone l’obbiettivo di presentare i risultati delle esperienze e una visione per il futuro riguardante l´applicazione di queste nuove tecnologie, nonché le possibilità offerte in questo campo dal programma quadro europeo per la ricerca e l´innovazione Horizon 2020.


Presiede Monique Canto-Sperber, Presidente della Fondazione Paris Sciences et Lettres.

Con la partecipazione di:
- Livio De Luca, Architetto, Direttore dell’unità di ricerca "Modelli e simulazioni per l’Architettura e il Patrimonio" (CNRS e Ministère de la Culture et de la Communication)
- Roberto Scopigno, Direttore del Visual Computing Laboratory - Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione (CNR)
- Hélène Dessales, Ricercatrice Archeologa (Ecole Normale Supérieure)
- Rita Paris, Archeologa responsabile Appia Antica e Archivio Cederna, Direttrice del Museo Palazzo Massimo.

La conferenza sarà seguita da un cocktail. Traduzione simultanea Italiano/Francese.

La partecipazione è libera, fino ad esaurimento posti disponibili, previa registrazione on line (http://goo.gl/Njj7Kx) entro il 18/06/2013.

 

Scarica il Programma

 

Fonte: Ambasciata di Francia in Italia

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI