Presentazione del WebGIS del patrimonio culturale emiliano-romagnolo

Stampa

webgis patrimonio emiliaIl WebGIS del patrimonio culturale dell’Emilia-Romagna è nato per rispondere all’emergenza del sisma 2012, che ha richiesto di creare una cartografia e un database affidabili dei beni architettonici danneggiati.
Con la fondamentale collaborazione di tutte le Soprintendenze per i Beni Architettonici e Paesaggistici, che hanno messo a disposizione le loro banche dati più aggiornate, la Direzione Regionale sta procedendo alla progressiva georeferenziazione dei beni architettonici emiliano-romagnoli, andando oltre i confini del territorio colpito dal terremoto.


I dati sono parziali, ma in continuo aggiornamento e accrescimento; presto saranno disponibili anche i beni archeologici e paesaggistici, con l’ambizione di fornire uno strumento completo per conoscere il grande patrimonio culturale dell’Emilia-Romagna.
Uno strumento operativo su computer, plamari e cellulari, che punta ad essere una forma agile di consultazione e di ricerca, nonché di prima conoscenza dei beni: è comunque necessario rivolgersi alla Soprintendenza competente per territorio per avere dati certificati.
È possibile accedere al WebGIS in modo libero come visitatori, visualizzando i beni architettonici, le loro foto e le principali informazioni che li riguardano; è possibile inoltre sfruttare il motore di ricerca per indagare meglio e scoprire i dati di proprio interesse, ed eventuali informazioni e foto mancanti dei Beni Gli utenti appartenenti agli enti impegnati sul territorio possono fare richiesta di un accredito per visualizzare in modo approfondito i beni architettonici di loro competenza.
L'iniziativa rientra all'interno della mostra TERREFERME Emilia 2012. Il Patrimonio culturale dopo il Sisma.


Le potenzialità dei WebGIS e i modi di impiego saranno inoltre presentati durante un incontro dal titolo "Il WebGIS del patrimonio culturale emiliano-romagnolo. Dall'emergenza alla quotidianità" she si terrà il 23 giugno 2014 a Bologna presso l'Oratorio dei Filippini (via Manzoni, 5).

 

Scarica la locandina

Informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Fonte: Terreferme

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI