metaFAD Sistema di gestione integrata dei Beni Culturali

Stampa

Il 30 marzo presso il Mibact, Sala Spadolini, è stato presentato un prodotto open source denominato "metaFAD", un sistema di gestione integrata per i Beni Culturali. A seguire troverà spazio un workshop sulle caratteristiche tecniche della piattaforma.

Nel 2013 cinque istituti culturali napoletani - l’Istituto Italiano per gli Studi Storici, il Pio Monte della Misericordia, la Società Napoletana di Storia Patria, la Fondazione Biblioteca Benedetto Croce, la Cappella del Tesoro di San Gennaro – decidono di destinare ad un progetto condiviso i fondi europei assegnati a ciascuno di essi dalla Regione Campania per creare un ambiente software unico in grado di supportare i complessi processi di lavoro legati alla descrizione e valorizzazione dell’importante patrimonio culturale che custodiscono.

La collaborazione si estende negli anni successivi ai tre Istituti Centrali del MIBACT e si concretizza nella creazione della piattaforma open-source Metafad: un ambiente integrato per la descrizione, la digitalizzazione e la fruizione di beni librari, archivistici e museali.
Un prodotto open source che rende semplice gestire i diversi aspetti della descrizione e della valorizzazione del patrimonio: dalla digitalizzazione e pubblicazione del patrimonio dematerializzato all’erogazione dei servizi all’utenza e all’e-commerce, garantendo al contempo l’apertura e l’integrazione verso i principali cataloghi e aggregatori nazionali e internazionali.
MetaFAD è rilasciato con licenza MIT, disponibile da aprile del 2017.

La giornata di presentazione è proseguita con un WORKSHOP di approfondimento sulle caratteristiche tecniche e i servizi della piattaforma applicativa.

Fonte: Mibact

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI