Interagire e raccontare: il futuro della cultura passa dalle nuove tecnologie

Stampa

amiex interact-tellL'11 e 12 marzo presso il Centor Conressi Lingotto di Torino si svolgerà AMIEX, Art & Museum International Exhibition Exchange, evento sul tema delle mostre culturali e delle esposizioni d'arte, dedicato all'incontro tra operatori culturali e le imprese, i professionisti e gli esperti per offrire opportunità di business e relazionali.

Amiex è organizzato come un'agenda di incontri One to One e One to Many con presentazioni di prodotto ad un pubblico di operatori selezionati. Accompagnaeranno la manifestazione una Main Conference di apertura e alcuni Workshop Tematici.

Uno dei workshop sarà dedicato al tema delle nuove tecnologie per la fruzione museale dal titolo: INTERACT/TELL: IL PROSSIMO FUTURO DEL MARKETING CULTURALE
Partner scientifico: Accademia di Belle Arti Aldo Galli - IED, Como

Il digitale è entrato prepotentemente anche nei progetti culturali: i big data hanno cambiato il modo di fare marketing territoriale mentre la comunicazione ha nuovi strumenti come lo storytelling e i social media. Come sfruttarne al meglio le potenzialità?


Keynote
Euro Beinat, Docente di Geoinformatica and Data Science, Università of Salisburgo (contributo video)

Moderatore
Marco Enrico Giacomelli, Direttore Responsabile - Artribune

Case History
Marco Cappellini, CEO - Centrica
Ilaria D'Uva e Stefania Chipa, Organizzatrici - Museum and The Web Florence
Salvatore Amura, Accademia di Belle Arti Aldo Galli - IED, Como
Carlotta Margarone, Documentazione, Comunicazione e Web - Palazzo Madama
Giuseppe Ariano, Coordinatore social media del MiBACT presso la Direzione Generale per la Valorizzazione

 

Fonte: AMIEX

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI