Il progetto ARCHEOMEDSITES a Ravello LAB

Stampa

ravellolab2014

Archeomedsites, progetto di cooperazione transfrontaliera tra Italia, Tunisia e Libano, finanziato nell’ambito del Programma ENPI CBC Med 2007-2013, sarà presente alla nona edizione di Ravello Lab – Colloqui internazionali, all’interno del panel 1 dal titolo “ Cooperazione culturale e progettazione territoriale euro mediterranea”.

Nato nel 2006 da una collaborazione tra il Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali e Federculture, RAVELLO LAB si pone come momento di studio, di confronto e di proposta, sulle politiche culturali in chiave di sviluppo locale, di livello europeo ed euro mediterraneo. Obiettivo primario quello di fornire proposte e soluzioni alle politiche di sviluppo territoriale centrate sulla valorizzazione del patrimonio culturale e sul sostegno delle industrie creative, attraverso lo scambio di esperienze tra operatori, amministratori ed esperti italiani, europei e della riva sud del Mediterraneo.

Tema di quest’anno, l’approfondimento delle opportunità che derivano dal nuovo ciclo di programmazione dei fondi strutturali comunitari 2014-2020. Ravello Lab, in considerazione dei temi trattati, sarà dunque l’occasione ideale per ospitare un seminario del progetto ARCHEOMEDSITES, che vede il Mibact come capofila e Federculture e il Centro Universitario per i Beni Culturali di Ravello tra i proponenti. Ricordiamo che Archeomedsites è centrato su processi di tutela, valorizzazione e gestione di siti archeologici e di contesti urbani. Un momento di confronto, che in questo quadro, consentirà di esaminare i temi che possono contribuire a favorire la qualità della progettualità culturale e analizzare i fattori di rischio finalizzati a garantire uno sviluppo sostenibile, anche attraverso l’introduzione di nuove modalità di sostegno finanziario e di metodiche di partecipazione dei cittadini.

 

Scarica il programma completo di Ravello Lab


Fonte: MiBACT

 

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI