Firenze si prepara per ICOMOS 2014

Stampa

logo icomosGrazie ad un accordo di collaborazione scientifica firmato lo scorso marzo tra l'Università di Firenze e ICOMOS Italia (International Council On Monuments and Sites - Consiglio nazionale italiano dei monumenti e dei siti) sono state avviate le attività scientifiche per la realizzazione del Simposio triennale di ICOMOS Internazionale nel quadro della XVIII Assemblea Generale di ICOMOS Internazionale, e agli Anniversari del 50° della Carta di Venezia e del 21° del documento di Nara sull’Autenticità, che saranno svolti tutti a Firenze dal 7 al 15  novembre 2014.

Nell'occasione della stipula dell'accordo "il Rettore prof. Alberto Tesi e il Presidente di ICOMOS Italia prof. Maurizio Di Stefano hanno convenuto sull'importanza per le due istituzioni e per il territorio di un confronto sui temi generali della conservazione e valorizzazione dei patrimoni culturali".

 

locandina icomos 2014

L’accordo prevede che, per l'Università di Firenze, CsaVRI (Centro di servizi di ateneo per la valorizzazione dei risultati della ricerca e la gestione dell’incubatore universitario) sia struttura di riferimento del supporto organizzativo. CsaVRI potrà avvalersi dei contributi scientifici di altre strutture dell’Università e dei membri delle stesse.

E' anche prevista la collaborazione della Fondazione per la Ricerca e l’Innovazione, in quanto capofila di POLIS, Polo regionale dell’innovazione della città sostenibile, collegato al Distretto toscano delle tecnologie dei beni culturali e della città sostenibile.

Il titolo del Simposio è “Heritage, Landscape as Human Right” con cinque sottotemi:

a) Sharing and experiencing the identity of communities through tourism and interpretation;

b) Environment as cultural habitat;

c) Sustainability through traditional knowledge;

d) Community-driven conservation and local empowerment;

e) Emerging tool for conservation practice.

 

Per ulteriori informazioni è attiva la casella Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

Fonte: Polis Toscana (www.polis-toscana.it)

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI