Bucap al #TFA2016 per parlare di digitalizzazione dei beni culturali

Stampa

Bucap partecipa alla terza edizione di TECHNOLOGYforALL 2016, il Forum dedicato alle tecnologie applicate ai beni culturali, al territorio, all’ambiente e alle smart city, il 5 e 6 ottobre presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma. Gli esperti di Bucap interverranno per dibattere sui benefici dei progetti di digitalizzazione nell’ambito dei beni culturali e per presentare le soluzioni proposte.

Giovedì 6 Ottobre nella sessione "L'immagine digitale del Patrimonio Culturale" prevista nell'Auditorium della Biblioteca Nazionale Centrale dalle ore 9.00 alle ore 10:15 . è in programma l'intervento dal titolo "La Digital Transformation al servizio della valorizzazione dei nostri Beni Culturali", Flavio Tieghi e Maria Vittoria Grisolia di Bucap.

Bucap con i suoi 400 dipendenti in 8 sedi sul territorio, opera in Italia nel settore degli archivi cartacei e digitali, Document Imaging, servizi di BPO, servizi IT e Logistica. Per Archivi e Biblioteche, PA e aziende private è un partner strategico nella trasformazione digitale supportando più di 500 clienti nei progetti di digitalizzazione, nell'automazione dei processi e nella gestione dell’intero ciclo di vita dei documenti. Valorizzare il proprio patrimonio documentale e gestirlo in modo efficace ed efficiente sono obiettivi che apportano importanti benefici in termini organizzativi ed economici. Bucap svolge servizi di digitalizzazione presso le proprie sedi, o del cliente progettando e realizzando la soluzione più adatta per la gestione digitale di qualsiasi tipo di documento, corrente e antico, e su qualsiasi tipo di supporto, cartaceo e no n. Propone, inoltre, un vasto catalogo di scanner professionali: planetari Zeutschel, piani e rotativi WideTEK, robotizzati e manuali Qidenus e lettori scanner multimediali per microfilm Nextscan ed e-Image Data.

ISCRIVITI AL FORUM!

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI