A Mirandola un Workshop su Ricostruzione come Innovazione

Stampa

mirandola costruzione innovazioneGiovedì 8 maggio, alle 17.45, presso la Galleria del Popolo di Mirandola, si svolgerà il workshop Ricostruzione come Innovazione, organizzato da FuturAntiqua. Salone per i beni culturali religiosi e dall'associazione Mirandola Innovazione. L’incontro affronterà il tema della ricostruzione come un’opportunità di miglioramento delle strategie di gestione del patrimonio culturale e dei processi di educazione permanente del territorio.

In particolare si analizzeranno i casi esemplari di gestione dell’emergenza a livello internazionale, le potenzialità offerte dall’impiego delle nuove tecnologie per la ricostruzione e per l’ecosostenibilità, le occasioni di progettazione e finanziamento a livello europeo, la rete come strumento di crescita. Tra gli ospiti studiosi e professionisti operanti, a livello internazionale, nel settore dei beni culturali, dell’istruzione e dell’europrogettazione: Enrico Albertini (FuturAntiqua), Luca Baraldi (Università di Bologna), Giuseppe Maino (ENEA), Andrea Pignatti (InEuropa) e Riccardo Palmerini (Centro Produttività Veneto). Antonio Platis, presidente di Mirandola Innovazione e promotore dell’incontro, presiederà i lavori. L’incontro, che si propone come il naturale proseguimento della tavola rotonda Com’era dov’era, del 4 maggio, vuole condividere con i professionisti e con le aziende del territorio gli strumenti e le opportunità che la ricostruzione può offrire. I relatori saranno a disposizione del pubblico per un confronto costruttivo sui temi del workshop.

 

Scarica il programma

 

Fonte: Futurantiqua

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI