Workshop in campo #TFA2018: metodi di rilievo e monitoraggio sulle Mura Aureliane di Roma

Stampa

Le Mura aureliane, costruite tra il 270 e il 275 dall'imperatore Aureliano per difendere Roma, capitale dell'impero, da eventuali attacchi dei barbari, hanno subito numerose ristrutturazioni in epoche successive, sia nell'antichità sia in epoca moderna, presentandosi oggi in un buono stato di conservazione per la maggior parte del loro tracciato, benché alcuni tratti si trovino in condizioni critiche. Costruite su una lunghezza di oltre 18 km, sono tra le cinte murarie antiche più lunghe e meglio conservate al mondo.

È prevista una attività di test di tecnologie per la analisi, la documentazione e il monitoraggio che sarà effettuata sul tratto delle Mura Aureliane tra Via Caio Cestio e Via del Campo Boario. In particolare, con riferimento alla pianta allegata, verranno testate le seguenti tecnologie (non invasive né distruttive):

I dati acquisiti saranno resi disponibili al Comune di Roma ed elaborati per mettere a punto un metodo globale per contribuire alla salvaguardia delle Mura Aureliane.

I tratti di Mura interessati dai rilievi di dettaglio sono quelli compresi tra le Torri M3, M4 e M5 per i rilievi ad alto dettaglio, il tratto successivo, dalla M05 in poi, per i rilievi speditivi, come da immagine seguente.

L'attività si svolgerà dalle 9.30 alle 13,00 circa. L’appuntamento per i partecipanti al Workshop è per le ore 9:30 del 3 Ottobre nel Punto di Ritrovo indicato nella figura. Da li saranno organizzate partecipazioni in gruppi.

Iscrizione gratuita necessaria.

Programma del Technologyforall 

iscrizione gratuita

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI