Project Mosul, iniziativa per il restauro digitale dei beni culturali distrutti

Stampa

Project Mosul è un'iniziativa lanciata da Matthew Vincent, ricercatore del progetto ITN-DCH (Initial Training Network for Digital Cultural Heritage), e Marinos Ioannides, Coordinatore del medesimo progetto, e nasce come risposta alla distruzione dei beni culturali da parte dello Stato Islamico e vuole utilizzare immagini per ricostruire digitalmente ciò che è stato distrutto a Mosul, nel nord Iraq. Saranno proprio le immagini a permettere, se in numero sufficiente, la realizzazione di modelli tridimensionali. L'iniziativa si basa sulla partecipazione attiva ed è aperta a tutti coloro che vogliono contribuire a questa iniziativa di restauro virtuale in 3D.

Si vuole quindi creare una sorta di museo virtuale e collaborativo in modo da conservarne la memoria digitalmente.
Project Mosul ha già iniziato a collaborar con altri progetti europei, 4d-CH-World, FP7-PEOPLE IAPP project, Europeana Space etc. Il progetto coinvolge anche aziende private come Sketchfab, una start-up dedicata a rendere disponibile online contenuti 3D. In questo modo si vuole lavorare insieme per il restauro digitale e la tutela del patrimonio perduto, con lo scopo ultimo di provvedere ad un accesso virtuale al museo. In pochi giorni già 800.00 utenti hanno visitato il sito (LeFigaro).

Un modello 3D parziale del Leone di Mosul è già disponibile online.

Sito web: http://projectmosul.org/

Fonte: ITN-DCH

 

 

The Lion of Mosul by neshmi on Sketchfab

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI