NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Nuove metodologie per valutare la risposta strutturale dei monumenti megalitici. L’esperienza del tempio di Mnajdra (Malta).

Qual è la risposta strutturale degli antichi monumenti megalitici? Come valutarla?
Una metodologia conoscitiva integrata per l'indagine numerica della risposta strutturale dei monumenti megalitici viene proposta in un articolo sul Journal of Cultural Heritage (vol. 41 January–February 2020) da un gruppo di ricerca internazionale di studiosi delle Università di KwaZulu-Natal, (Durban, South Africa), Tecnica  ed Ellenica Mediterranea di Creta, e di Malta (Siphesihle Mpho Motsa, Georgios A. Drosopoulos, Maria E. Stavroulaki, Emmanuel Maravelakis, Ruben Paul Borg, Pauline Galea, Sebastiano d’Amico,Georgios E. Stavroulakis). 

Nuova luce sulla storia genetica della Sardegna

Nuovi importanti dati sulla storia evolutiva della popolazione sarda durante gli ultimi 6.000 anni, dal Neolitico Medio fino al Medioevo, sono emersi attraverso lo studio del DNA estratto dai resti ossei  di 70 individui rinvenuti in 21 siti archeologici dell’isola e la loro messa a confronto confronto con i dati genetici della popolazione attuale.

Tags:
Monitoraggio con sensori e rete wireless del Mastio di Matilde a Livorno

Pubblicate  sul numero di febbraio 2020 di International Journal of Architectural Heritage le risultanze del monitoraggio dinamico del Mastio di Matilde a margine del Porto Mediceo di Livorno.

La torre cilindrica erroneamente detta Mastio di Matilde (di Canossa), costruita dalla Repubblica di Pisa intorno al 1241, famosa per la sua scala elicoidale, è tra le strutture architettoniche più antiche di Livorno ma certamente nulla ha a che fare con le attività edilizie della comitissa morta più di un secolo prima nell’estate del 1115.

Nuovi approcci scientifici per datare l'arte rupestre australiana

Il Kimberley una delle nove regioni dell’Australia occidentale, remota ed estesa più della Germania, un clima monsonico tropicale. Una sterminata area rupestre, pressoché disabitata, costellata da decine di migliaia di dipinti sulle pareti rocciose e i ripari. Fu una delle prime zone dell'Australia in cui approdarono e si insediarono gli esseri umani, provenienti dall'odierna Indonesia circa 40.000 anni fa. Il primo europeo a esplorare la regione fu Alexander Forrest nel 1879, dopo di lui i cercatori d’oro e gli allevatori. Un terzo degli abitanti odierni sono tuttora di origine aborigena.

Grande successo della mostra immersiva alla Arthur M. Sackler Gallery di Washington, D.C. su  Mosul, Aleppo e Palmyra

Prosegue con grande partecipazione di pubblico la mostra, inaugurata a gennaio e che rimarrà aperta sino ad ottobre, alla Arthur M. Sackler Gallery di Washington, D.C. su  Mosul, Aleppo e Palmyra.

Un viaggio virtuale tra tre grandi città del vicino oriente trovatesi nell’ultimo decennio tragicamente al centro di grandi sconvolgimenti politici e militari.  Siti archeologici e storici di enorme importanza i cui splendori hanno per secoli affascinato viaggiatori e studiosi e che sono stati inesorabilmente devastati dalla guerra. Tre siti storici emblematici di diversi tipi di  minacce al patrimonio culturale. Dai danni “collaterali" alle devastazioni pervicacemente perseguite e propagandate sui media dalle formazioni jihadiste e da parte di Daesh (Isis)che hanno cancellato dati storici e culturali secolari.

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo