NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Le ultime fotografie sulla "Ragazza" di Vermeer rivelano nuovi dettagli

La ragazza con l'orecchino di perla è una delle opere più famose di Vermeer, conservata presso il museo d'arte Mauritshuis, a The Hague, e giudicata nel 2006 il dipinto più bello dei Paesi Bassi. L'anno scorso il museo d'arte ha chiesto a Hirox Europe di fotografare il capolavoro di Vermeer al livello di 4,4 micron per pixel (per un totale di circa 10.118 megapixel). Dieci aree della tela sono state catturate con una risoluzione ancora più dettagliata utilizzando un microscopio 3D Hirox.

Un'immagine così dettagliata del dipinto consente ai curatori del museo di osservarne la topografia in modo da zonizzare il rilievo della vernice, valutare le condizioni della superficie e il sollevamento della pellicola pittorica, osservare le crepe nella pittura e valutarne i restauri passati nell'attuale indice di rischio analiticamente. Queste immagini sono state poi pubblicate come mappe interattive per il pubblico tramite l'interfaccia Hirox, permettendo a tutti di poterlo apprezzare con dettagli senza precedenti.

Molti musei e gallerie d'arte in tutto il mondo utilizzano in questo periodo delle interfacce di mappatura interattive per consentire ai visitatori di esplorare le singole opere d'arte online in un periodo in cui la visita in presenza è interdetta ai più. La presentazione di dipinti come immagini ingrandibili fornisce una prospettiva unica che offre allo spettatore l'opportunità di studiare un'opera d'arte con dettagli incredibilmente ravvicinati. Utilizzando i metodi di navigazione di panoramica e zoom (con cui gli utenti hanno familiarità anche con l'utilizzo di Google Maps), gli amanti dell'arte possono studiare un quadro, un'incisione o una scultura a loro piacimento. Il livello di dettaglio rivelato da un'interfaccia di pittura interattiva è limitato solo dalla risoluzione dell'immagine e dal numero di livelli di zoom forniti dall'interfaccia. Se l'opera originale è stata fotografata in megapixel, l'interfaccia di una pittura interattiva può consentire all'utente di ingrandire i tratti più piccoli del pennello dell'artista.

Fonte: Maps Mania

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI  


CHNT
CHNT
/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo