Monna Lisa cercasi

Stampa

 

Dai Laboratori di Antropologia del Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Bologna, sono emersi i primi interessanti risultati delle indagini osteologiche condotte su alcuni reperti ossei rinvenuti al Convento di Sant'Orsola di Firenze. Il motivo di tanto interesse è dovuto alla possibilità di rinvenire, tra i resti, le spoglie della celebre "modella" di Leonardo Da Vinci: Lisa Gherardini, meglio conosciuta come Monna Lisa. Secondo alcuni dati storici, la nobile fiorentina fu tumulata proprio al Sant'Orsola, il convento in cui si trovava la figlia Ludovica e dove la Gherardini morì il 15 luglio 1542, all'età di 63 anni.

La prima fase delle analisi eseguite sui resti ossei, si è conclusa fornendo alcune indicazioni: sono stati indagati otto reperti, sette dei quali rivelano caratteri diagnostici tipici del sesso femminile. Tutti i resti umani appartengono ad adulti di almeno 30 anni e tra questi tre individui mostrano un'età di morte più avanzata, maggiore di 40-50 anni, compatibile con l'età di morte di Lisa Gherardini.

Il team scientifico è stato condotto dal prof. Giorgio Gruppione che si ritiene soddisfatto ma deciso nel proseguire la ricerca che ora sarà affidata al CEDAD dell’Università del Salento, dove le ossa saranno sottoposte a datazione mediante l’esame del radiocarbonio per stabilire con maggiore esattezza l’epoca del decesso.

Se l’esito della datazione rivelasse un periodo di morte compatibile a quello di Lisa Gherardini, si procederà all’estrazione del DNA, confrontabile con quello dei figli di Lisa, sepolti presso la chiesa SS Annunziata di Firenze.

Tutti i risultati della ricerca saranno raccolti e condivisi sul web grazie alla piattaforma “Looking for Monalisa” progettata da Capitale Creativo, società di pr e comunicazione. 

Segui la ricerca: http://lookingformonnalisa.wordpress.com/

 

Fonte: Università degli Studi di Bologna

 

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI