L’archeologia non distruttiva: I sondaggi con georadar

Stampa

Le indagini non distruttive – come il georadar – individuano aree archeologiche sepolte. Senza carotaggi. Senza scavi. In fretta e a costi davvero limitati.

Immaginiamo di passeggiare con il georadar nella zona di interesse archeologico, e di visualizzare sul display se nel sottosuolo vi siano cavità, reperti, costruzioni sepolte. Un nuovo modello, appena uscito dalla progettazione GSSI, è pieghevole, leggero, rapido e performante. Con rilievi fino a 4-5 metri di profondità, è naturalmente votato all’archeologia.

Nel caso di aree vaste, il georadar della 3D-Radar è una soluzione incredibilmente rapida. E in questo caso possiamo vedere già sul monitor i dati elaborati, visualizzare in 3D le strutture sepolte in tempo reale, durante il rilievo.

E se serve risparmiare, si possono noleggiare gli strumenti; i costi diventano davvero ridotti e proporzionali al lavoro da svolgere.

Il georadar ha già permesso interessanti rilievi:


Video sul canale YouTube di Codevintec – playlist Geofisica Terrestre - Georadar

Informazioni tecniche:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.codevintec.it

Fonte: Codevintec