Il crocifisso di Donatello sotto esame

Stampa

crocifisso donatello padovaDa alcuni mesi i Laboratori Scientifici del Centro di Conservazione e Restauro La Venaria Reale ospitano il famoso Crocifisso di Donatello proveniente dalla Chiesa dei Servi di Padova, sulla quale i ricercatori hanno svolto alcune indagini scientifiche tra le quali la TAC.

Le analisi sono state realizzzate nell’ambito del progetto di ricerca neu_ART (Neutron and x-ray tomography and imaging for cultural heritage) e del restauro dell'opera e sono state realizzate in collaborazione con la Curia vescovile di Padova, la Soprintendente Marica Mercalli per la Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici per le province di VE, BL, PD e TV, ed Elisabetta Francescutti, responsabile della Direzione Lavori dell’intervento.


Collabora la Soprintendenza per i beni storici, artistici ed etnoantropologici del Friuli Venezia Giulia diretta da Luca Caburlotto: le operazioni sono state infatti condotte da Angelo Pizzolongo e Catia Michielan presso il laboratorio di restauro della Soprintendenza.
La tomografia completa è stata realizzata in 150 ore di acquisizione cioè sette giorni completi. Gli esiti di tale studio permetterà di indagare l’interno della scultura e di conoscere magiormente la tecnica di realizzazione, i materiali utilizzati e la conservazione nel tempo.

Il restauro è iniziato la scorsa primavera dopo la rimozione del Crocifisso dalla Chiesa di Santa Maria dei Servi a Padova e le prime analisi diagnostiche. 

 

Approfondimenti: Il progetto neu_Art

 

Fonte: Centro Conservazione e Restauro La Venaria Reale

Foto: Il Mattino di Padova

 

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI