NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Alessandro Sartor ci ha lasciato

Alessandro Sartor, docente di elementi di Fotogrammetria nella Facoltà di Architettura della Sapienza a Roma, conosciuto per la sua capacità di fondere la manualità del disegno con la tecnologia fotogrammetrica, ci ha lasciato pochi giorni fa.

Conosciuto nel nostro ambiente per essere uno dei precursori dell’uso della Fotogrammetria per il rilievo di architetture complesse, avendo avuto la capacità di fondere le esigenti regole espressive del Rilievo e della Rappresentazione professate dai proff. M. Docci e F. Mirri, in un epoca in cui la tecnologia dell’immagine metrica si affacciava a portare un grande ausilio in un campo in cui la manualità era ritenuta la maestra superiore della documentazione. Ed infatti la fotogrammetria di Alessandro aveva molto della manualità del rilevatore che disegnava però con uno stupendo strumento dotato di visione tridimensionale, la fotogrammetria.

Tra i suoi lavori ricordiamo il rilevamento fotogrammetrico e topografico delle Stanze di Raffaello nei Musei Vaticani e della facciata di San Luigi dei Francesi a Roma, quello del centro urbano della Valletta a Malta condotto anche con l’uso dello scanner laser. È sua la direzione dei rilievi diretti e strumentali condotti sulla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma e sul Giardino Romano del Campidoglio. Ha diretto anche il rilievo diretto e strumentale della Chiesa e del Convento di San Carlo alle Quattro Fontane, opera borrominiana, alla quale è stata dedicata una mostra tenuta da Mario Botta nella quale si espongono i rilievi eseguiti dal suo stesso studio.

Tra le sue pubblicazioni nel settore, ricordiamo un suo primo articolo sulla fotogrammetria in archeologia, temi e ricerche sul rilevamento di strutture archeo-architettoniche, archeologia e fotogrammetria, metodi e applicazioni del rilievo con elaborazioni di riprese fotogrammetriche di strutture da sottoporre a restauro. su: "Archeologia", Gruppi Archeologici d'Italia, Roma 1988, poi nel 2004 gli “Studi e capitolati d’appalto per rilievi fotogrammetrici architettonici e per rilievi areofotogrammetrici in “ Il nuovo manuale dei capitolati” ed. Mancosu,.

Ci ha lasciato il 17 febbraio 2019, nella data odierna avrebbe avuto 83 anni.

itsqarhyzh-CNnlenfrdejaptrues
/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo