Un modello per studiare le vie di comunicazione dei romani

Stampa
L'impero romano rappresenta una parte di storia importante per tutto il mondo occidentale. Esso si è potuto espandere per diversi secoli attraverso complesse reti di potere politico, di dominio militare e di scambi economici ben organizzati. Queste connessioni sono state sostenute da tecnologie di trasporto e di comunicazione premoderne che si basavano sulla "disponibilità energetica" generata da umani e animali, dai venti e dalle correnti.
Mappe convenzionali ottenuti con i dati geospaziali, rappresentano questo mondo così come appare dallo spazio, riuscendo a catturare i diversi vincoli ambientali che regolavano i flussi di persone, merci e informazioni. Il "costo energetico", piuttosto che la distanza, appare come il principale fattore determinante della connettività.

Il progetto ORBIS (The Standford Geospatial Network Model of the Roman World), realizzato dal Dipartimento di Studi Classici dell'Università di Standford, permette di esprimere i costi di comunicazione dei romani sia in termini di tempo che di denaro. Simulando gli spostamenti lungo le vie principali della rete stradale romana, i principali fiumi navigabili, e centinaia di rotte marittime nel Mediterraneo, Mar Nero e costiera atlantica, questo modello interattivo ricostruisce il costo e la durata finanziaria del viaggio nell'antichità.
Tenendo conto delle variazioni stagionali e della varietà di modalità e mezzi di trasporto, ORBIS rivela la vera forma del mondo romano e fornisce una risorsa unica per la comprensione dell'organizzazione pratica del suo impero.
Sul sito internet orbis.standford.edu è possibile avere ulteriori informazioni sul progetto e sull'utilizzo del modello. Il modello è stato caricato su internet da una decina di giorni e sta riscuotendo un notevole successo diffondendosi rapidamente sul web tramite i social network.
Il progetto ha quindi mostrato un interesse da parte non solo tra gli studiosi del settore ma anche tra i semplici curiosi e appassionati, superando ogni tipo di aspettativa per una ricerca così specifica. 
ORBIS è un progetto work in progress. Per offrire idee e commenti è possibile inviare i propri suggerimenti all'indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .







Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI