Scoperte due piramidi sconosciute con Google Earth

Stampa

Angela Micol da Maiden in North Carolina grazie a Google Earth, il programma che ritrae dall’alto la superficie terrestre, ha recentemente individuato i resti di almeno due piramidi finora sconosciute. La notizia risale alla metà di agosto: grazie alla tecnologia web la studiosa ha riconosciuto due siti archeologici.

Il primo si trova a 20 km dalla città di Abu Sidhum vicino al Nilo nel governatorato di Minya. Si tratta di una formazione a base quadrangolare con la cima tronca larga alla base circa 188 metri. Vicino si intravedono 4 montagnole regolari tra i 60 e i 30 metri.

 

La seconda area di interesse è a 150 km più a nord, nell’oasi di Faiyum, a 3 km dall’antica città di Dimai. Qui appaiono quattro rilievi a forma piramidale di circa 40 metri di larghezza, disposti con una sequenza inclinata simile a quelle delle celebri piramidi di Giza.

 

 

Fonte: (Tafter.it)

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI