Le ceramiche di Ariano Irpino verranno digitalizzate

Stampa
La collezione del Museo Civico e della Ceramica di Ariano Irpino sarà oggetto di un progetto di digitalizzazione. Il Museo ospita un'importante raccolta di ceramica locale del XVII - XVIII secolo, ceramica ad uso domestico o ornamentale. Sono presenti esemplari di ceramiche meridionali-adriatiche risalente al IV-V secolo a.C.

La Regione Campania, insieme al Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ha selezionato il museo per il progetto "MuseiD-Italia" nell'ambito del Piano e-gov 2012 del Dipartimento per l'Innovazione e le Tecnologie del Ministero per la Pubblica Amministrazione ed Innovazione.

Nel comunicato stampa della Regione si legge: "In considerazione della particolare rilevanza della collezione esposta presso il Museo Civico e della Ceramica ed opportunamente catalogata secondo gli standard ICCD sarà effettuata la digitalizzazione della parte più prestigiosa e rappresentativa della collezione".

Per questo motivo i tecnici di Museincampania si recheranno ad Ariano per una prima ricognizione delle collezioni e per individuare i reperti da digitalizzare.

Il progetto MuseiD-Italia prevede la realizzazione dell'Anagrafica MuseiD-Italia e il recupero di contenuti digitali (immagini, video, audio) che riproducano beni rappresentativi della collezione museale. E' inoltre prevista la digitalizzazione diretta di una parte della collezione presente all'interno del museo, rappresentativa della realtà culturale e territoriale di appartenenza. I dati ottenuti saranno inseriti nella banca dati della Regione "Museincampania" e nel portale della cultura italiana www.culturaitalia.it 

Tale progetto permette quindi di  valorizzare la maiolica arianese e di farla conoscere ad un più vasto pubblico grazie internet.

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI