NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Martedì, 25 Luglio 2017 11:13

Il moto magnificato applicato al monitoraggio dei monumenti storici

Redazione Archeomatica
Lato suovest del c.d. Tempio di Minerva Medica con i punti deboli della struttura messi in evidenza dai riquadri in rosso. Lato suovest del c.d. Tempio di Minerva Medica con i punti deboli della struttura messi in evidenza dai riquadri in rosso.

Nel 2016 presso il laboratorio Tecnologie per l’Innovazione Sostenibile del C. R. Casaccia ENEA sono stati eseguiti una serie di esperimenti di vibrometria visuale nell’ambito del progetto COBRA (Sviluppo e la diffusione di metodi, tecnologie e strumenti avanzati per la Conservazione dei Beni culturali).

La vibrometria visuale consente di effettuare la caratterizzazione dinamico-strutturale tramite l’analisi video, identificando i modi propri delle strutture, sia in laboratorio sia sul campo. Le strutture analizzate in questo lavoro consistono in modelli in scala rappresentativi di macro elementi strutturali di edifici in muratura e singoli pannelli murari sottoposti a sollecitazioni sismiche su tavola vibrante. Le immagini sono state riprese tramite una comune videocamera e successivamente i video sono stati elaborati tramite tecniche di moto “magnificato” o “aumentato”, che consentono di amplificare i piccoli movimenti di una struttura o di sue parti. Non si tratta di un ingrandimento delle immagini, ma di una vera e propria amplificazione dei piccoli moti della struttura che altrimenti risulterebbero invisibili. I video sono processati tramite algoritmi recentemente implementati al Dipartimento di Computer Science del MIT di Boston, ma finora utilizzati in altri campi (medicina, fisiologia, meccanica, proprietà dei materiali). La sperimentazione ha fornito risultati molto soddisfacenti, validando la metodologia utilizzata. Dalla sperimentazione in laboratorio si è passati a quella sul campo presso il cosiddetto Tempio di Minerva Medica a Roma. I video processati hanno messo in evidenza come i meccanismi di dissesto per questa tipologia di apparecchi murari possono essere di tipo “puntuale”, evidenziando alcune zone della struttura in cui le vibrazioni risultano più intense al passaggio dei tram. La metodologia rende possibile un’analisi visuale speditiva, intuitiva e a basso costo, utile per l’analisi dell’impatto delle vibrazioni sulle strutture.

Fonte: ENEA

Ultima modifica il Martedì, 25 Luglio 2017 11:35
Technology for All 2017
Technology for All 2017
http://www.digitalmeetsculture.net

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo