11-14 Ottobre 2022, Amsterdam, conferenza: "Patrimonio Culturale e pianificazione del territorio"

Stampa

HERILAND (Cultural Heritage and the Planning of European Landscapes), la rete di formazione innovativa Marie Curie dell'UE ha aperto le iscrizioni alla conferenza internazionale sul patrimonio culturale e la pianificazione territoriale. Dal 2019, Heriland ha offerto formazione a quindici ricercatori di dottorato in sei università in Europa e Israele.  Alla conferenza, il consorzio condividerà i suoi risultati con un pubblico internazionale di partner accademici e sociali, tra cui funzionari dell'UE, presidenti dell'Unesco, responsabili politici e imprese.

L'obiettivo è quello di definire un'agenda internazionale per la formazione, la ricerca e la politica nel campo della pianificazione del patrimonio e del territorio con un occhio alle principali sfide sociali come la democratizzazione, l'inclusività, la migrazione, la società multiculturale, la digitalizzazione e il cambiamento climatico. Il programma prevede conferenze di alto profilo, sessioni di formazione, workshop interattivi, sessioni di networking e di incontro tra domanda e offerta di lavoro e un dibattito pubblico. Durante la conferenza, il consorzio Heriland condividerà i suoi risultati con un pubblico internazionale di partner accademici e sociali, tra cui funzionari dell'UE, presidenti dell'Unesco, responsabili politici e imprese. Il programma prevede interventi di alto profilo, sessioni di formazione, workshop interattivi, sessioni di networking e job matching e un dibattito pubblico. La conferenza è finanziata dal programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell'UE nell'ambito dell'accordo di sovvenzione Marie Sklodowska-Curie n. 813883.

Ulteriori informazioni e il programma dell'evento sono disponibili cliccando qui 

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.archeomatica.it/

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI