Uno spazio virtuale per lo studio dei siti archeologici

Il National Center for Supercomputing Applications (NCSA) dell'University of Illinois e il Cyprus Institute che da tempo lavorano insieme in alcuni progetti di ricerca, hanno iniziato a collaborare al LinkSCEEM progetto, il quale comprende diverse ricerche per lo studia e la condivisione del patrimonio culturale.
Wayne Pitard, direttore della University of Illinois ha dichiarato "Il Museo Spurlock della nostra università sta portando avanti un progetto per migliorare l'immagine di manufatti, grazie all'apporto di nuove tecnologie nel Mediterraneo orientale".
Dal 2008, il Museo Spurlock ha utilizzato tecnologia avanzata di imaging per rivelare dettagli sorprendenti di oltre 45.000 manufatti. Rcercatori della University of Southern California hanno addestrato i loro colleghi di Cipro al funzionamento di una particolare videocamera a 360 gradi. Le immagini acquisite con questa nuova apparecchiatura, molto dettagliate, saranno condivise con Inscriptifact, una biblioteca digitale che permetterà di usufruire di immagini ad alta risoluzione che saranno facilmente condivise con studiosi provenienti da tutto il mondo.
"Ci sono milioni di manufatti nel Mediterraneo orientale per il quale questo è il modo migliore per documentarli" dichiara Pitard. "Si può guardare a queste immagini da qualsiasi parte del mondo, e questo è solo una cosa incredibile".

L'Image Spatial Data Analysis (ISDA) Group e l'Advanced Visualization Laboratory  (AVL) del NCSA stanno lavorando su strumenti che facilitino la collaborazione.
ISDA ha adattato il Tele-immersive Environment for Everybody (TEEVE) per utilizzare le telecamere a basso costo Kinect 3D. Similmente ad una videoconferenza Skype, TEEVE cattura e trasmette ricostruzioni 3D piuttosto che le convenzionali riprese video 2D. Poiché il dato è tridimensionale, gli utenti possono ingrandire e ruotare le scene trasmesse. Con le telecamere a basso costo in 3D il gruppo spera di poter mettere in campo questi sistemi.
Utilizzando questa soluzione, i ricercatori possono lavorare insieme presso i siti remoti per "riassemblare" manufatti che sono distrutti. Questi pezzi del puzzle in 3D possono essere visualizzati e modificati in uno spazio 3D condiviso, anche se sono fisicamente in più posizioni.
Il team di AVL sta adattando il proprio software, che ha già utilizzato per creare visualizzazioni scientifiche basate sui dati per teatri IMAX, spettacoli planetari, e documentari TV, per consentire ad archeologi, storici e altri ricercatori di collaborare in modo interattivo in tempo reale, condividendo uno spazio fisico tridimensionale dei siti archeologici e storici.
"La scala dei display immersivi che abbiamo costruito e la loro risoluzione permetterà ai collaboratori di abitare in uno stesso spazio, condividendo un'esperienza che non è stato possibile finora", dice Donna Cox, direttore dell'AVL .
"Ci sono alcuni spazi archeologici che non sono in grado di essere visitati fisicamente. Quindi, per me, rendere possibile questo in maniera virtuale è una cosa grande, non solo per me ma anche per l'utilità che esso apporta alle persone", dice Ropertos Georgiou del  Science and Technology in Archaeology Research Center (STARC) del Cyprus Institute.
Utilizzando un modello fornito da Georgiou, il team ha creato un dettagliato rendering interattivo 3D di un teatro ellenistico-romana nella città cipriota di Paphos. Il teatro fu costruito intorno al 300 aC dai Tolomei di Alessandria ed è sopravvissuto fino alla fine del 4 ° secolo a.C., quando un terremoto distrusse gran parte della struttura. Poiché la struttura fisica non è rimasta intatta, i ricercatori di Cipro e Illinois possono così interagire nello spazio virtuale condiviso con avatar personali, cambiando la prospettiva, spostando oggetti, facendo zoom su caratteristiche specifiche, e parlando di ciò che vedono. Georgiou prevede che queste funzionalità possano essere molto utili per i ricercatori impegnati in campo storico e archeologico.
"Possiamo così collaborare in un luogo storico e avere un dialogo. Credo che sarà molto utile per noi", dice. "Il sistema è già in grado di gestire scene personalizzate, progettando percorsi visuali che si concentrano sul palco del teatro, o di un'orchestra, o auditorium, a seconda degli interessi suoi visitatori."
"Per noi questo progetto è l'occasione per attuare una serie di ottimizzazioni al software al quale siamo interessati da diverso tempo", dice il programmatore dell'AVL Alex Betts. 

Fonte: University of IllinoisRelated Articles

Commenti:

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Rimani aggiornato!