Lo Stato dell’Arte 14, restauro, conservazione preventiva, diagnostica, sostenibilità

29 Febbraio 2016  

Il Convegno Annuale del Gruppo Italiano dell'International Institute for Convervation (IGIIC), Lo Stato dell’Arte 14, è in programma all'Accademia di Belle Arti de L’Aquila, dal 20 al 22 ottobre 2016.
È aperta la Call for abstract per contributi inerenti restauri a seguito di emergenze e disastri naturalli, interventi di diagnostica, attività di conservazione preventiva per la gestione dei rischi e dei piani di emergenza, la sostenibiltà ambientale sociale ed economica del restauro. La scadenze è il 2 maggio 2016.

Le aree tematiche a cui attenersi per la stesura dell’abstract sono:

Gli anni della ricostruzione
Esempi di interventi di restauro a seguito di calamità naturali o in emergenza.

Problematiche di progettazione e intervento
Interventidi restauro che si propongano di esporre le scelte critiche sui materiali e i metodi applicativi adottati. Saranno considerati anche gli aspetti progettuali di restauri che contemplino l’intervento di diversi soggetti:storici, scientifici, restauratori e l’adozione di metodi innovativi per la conservazione, completi di risultati scientifici e riflessioni critiche sul caso trattato.

Diagnostica, ricerche e studi applicati
Esempi di studi applicati a specifiche problematiche di intervento; ricerche di laboratorio in cui siano evidenziate, quanto più possibile, la diagnostica e le azioni messe in atto per il controllo dei risultati, sia per quanto riguarda la qualità e la progettazione degli interventi,  sia per quanto riguarda le scelte operate sui materiali e le tecnologie.

Conservazione preventiva
Azioni messe in atto sul patrimonio culturale con lo scopo di diminuire il deterioramento futuro di una o di un insieme di opere, con l’obbiettivo di esporre casi concreti di valutazione e gestione dei rischi, della sicurezza, del controllo climatico; organizzazione e gestione dei depositi e di piani di emergenza; formazione del personale e del pubblico che fruisce dei beni.

Sostenibilità nella conservazione del patrimonio culturale
Aspetti di sostenibilità ambientale, sociale ed economica nel campo della conservazione e del restauro del patrimonio culturale. Riflessioni che portino a riconsiderare un certo numero di pratiche e soluzioni di conservazione tradizionali quali l’utilizzo di materiali non tossici o reperibili nelle aree di provenienza; a sviluppare nuove ricerche e a produrre nuove conoscenze nel campo delle scienze umane, della natura e dell’informazione e nella scienza dei materiali. Rientrano in questa area anche contributi che trattino di: riduzione dei costi nella climatizzazione dei depositi, digitalizzazione come strategia nella conservazione.
aperta la call for abstract: deadline invio 2 maggio 2016

Sito web: www.igiic.org

Fonte: IGIIC

Ultima modifica il Lunedì, 29 Febbraio 2016 13:05

Foto del mese

  • Documentazione 3D dei danni all'antica cittadella di Palmira

    Modello 3D della Città di Palmira: confronto tra prima e dopo i danni terroristici. Progetto di documentazione ai danni all'antica città mediante tecnologie di rilievo 3D. 

Video del mese

  • La Roca Esculpida de Samaipata è un sito archeologico boliviano patrimonio dell'umanità Unesco dal 1998.

Ultimi commenti