"Frammenti", in Sardegna una mostra sui metodi e le tecniche del restauro archeologico

03 Febbraio 2016  

Dal 6 Febbraio a presso il Centro Restauro Li Punti è aperta la mostra “Frammenti. Metodi e tecniche del restauro archeologico” che grazie all'esposizione di reperti e l'aiuto di video e immagini racconta il patrimonio archeologico della Sardegna.

Allestita nella Galleria espositiva del Centro di Restauro dei Beni Culturali di Li Punti - Sassari, offre al visitatore la possibilità di ammirare oggetti preziosi in alcuni casi esposti al pubblico per la prima volta, di avvicinarsi ai principi e alle tecniche del restauro passato e attuale, e di osservare direttamente il lavoro dei restauratori nei laboratori del Centro.

La mostra ha anche finalità divulgativa e didattica volendo far conoscere il lavoro dei restauratori. Sono organizzate alcune dimostrazioni pratiche del restauro, della riproduzione 3D dei reperti e dell’archeologia sperimentale. L'esposizione è finanziata dalla Direzione regionale dei beni culturali e paesaggistici della Sardegna del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo mediante il progetto comunitario Por Fesr Sardegna 2007 - 2013,

 

La mostra rimarrà aperta al pubblico dalle ore 9.30 alle 19.00 il 6 e 7 febbraio e ogni prima domenica del mese. Dal 8 febbraio 2016, visite guidate, dal lunedi’al venerdi, con richiesta di prenotazione telefonica o tramite modulo web.

Il Centro di Restauro dei Beni Culturali si trova in Via Lorenzo Auzzas, 3 a Li Punti, Sassari.

 

Fonte: Soprintendenza per i Beni Archeologici per le province di Sassari e Nuoro, La Nuova Sardegna

 

Ultima modifica il Mercoledì, 03 Febbraio 2016 15:30

Foto del mese

  • Laser scanner interno del Mausoleo di Romolo a Roma

    Modello 3D a nuvola di punti dell'interno del Mausoleo di Romolo nell'area di Massenzio realizzato durante il workshop sull'Appia Antica per il TECHNOLOGY for ALL 2017. Topcon Positioning Italy.

Video del mese

  • Un corto documentario sull'attività realizzata nel TECHNOLOGY for ALL 2016.

Ultimi commenti