Archeologia aerea: rivelato il misterioso muro di Khatt Shebib in Giordania

24 Febbraio 2016  

Sono stati recentemente diffusi i risultati dello studio eseguito sul "Khatt Shebib", antico muro in Giordania lungo ben 150 km.
Non si conoscono le ragioni per cui il motivo si stato costruito e a quale scopo servisse.

L'esistenza del muro si deve nel 1948 a Sir Alec Kirkbride, diplomatico britannico in Giordania. Durante il viaggio in aereo in Giordania, vide un "muro di pietra in esecuzione, senza scopo evidente, attraverso la campagna."
Gli archeologi hanno indagato i resti del muro con la fotografia aerea scoprendo che il muro corre da nord-est a sud-ovest su una distanza di 66 miglia (106 km). La struttura contiene sezioni in cui due pareti corrono fianco a fianco e altre sezioni in cui le parti divergono.
"Se aggiungiamo gli speroni e tratti di muro parallelo, il totale della lunghezza del muro potrebbe essere di circa 150 km (93 miglia)" hanno scritto David Kennedy, professore presso la University of Western Australia, e Rebecca Banks, assistente di ricerca alla Oxford University, in un articolo pubblicato di recente sulla rivista Zeitschrift für Orient-Archäologie (93-Mile-Long Ancient Wall in Jordan Puzzles Archaeologists). Oggi, il muro è in rovina. Tuttavia, "anche nel suo stato originale, non può essere stato molto di più alto di un metro e forse largo mezzo metro", hanno continuato Kennedy e Banche.
Lungo il Khatt Shebib, gli archeologi hanno anche trovato i resti di circa 100 cosiddette torri da 2 a 4 metri di diametro. Alcune di queste sono state costruite dopo che il muro è stato costruito.
Le torri probabilmente avevano una varietà di usi. "Alcuni potrebbero essere stati i luoghi di rifugi, un posto sicuro per la notte. Altri potevano essere stati utilizzati come punti di osservazione. Alcuni, luoghi in cui i cacciatori potevano nascondersi quando gli animali erano abbastanza vicini per cercare di abbatterli", ha dichiarato Kennedy a Live Science.

La ricerca lascia gli archeologi con una serie di misteri: Quando è stato costruito il muro? Chi e perché?
Finora, l'unica informazione sulla datazione che gli scienziati hanno trovato proviene dalle ceramiche rinvenute nelle torri ed altri siti lungo il muro, ha detto Kennedy.

Anche se uno dei regni o imperi che hanno governato la Giordania in quel lungo tratto di tempo potrebbe aver costruito il muro, la struttura potrebbe non essere stata costruita da un grande stato. "E' possibile che le comunità locali, vedendo ciò che i vicini hanno fatto e convinti della sua utilità, copiarono semplicemente la pratica".

Anche lo scopo del muro è un mistero. La sua altezza ridotta e la sua ristrettezza indicano che non è stato costruito per ragioni difensive, ha detto Kennedy e Banche. Tracce di agricoltura anticoasono più visibili a ovest del muro che ad est, suggerendo come la struttura abbia segnato un confine tra antichi contadini e pastori nomadi oppure può aver segnato un diverso tipo di confine.

In ultima analisi, sono necessarie ulteriori ricerche sul campo per risolvere questi misteri. "L'archeologia aerea non potrà mai risolvere queste domande chiave sullo scopo e la datazione. Per questo, abbiamo bisogno di un lavoro sistematico sul campo".

Lo studio rientra nel progetto APAAME - Aerial Photographic Archive for Archaeology in the Middle East gestito dall'University of Western Australia e dalla Oxford University. Il progetto mira a sviluppare una metodologia per la storia del Vicino Oriente mediante l'arricchimento di un archivio attualmente composto da oltre 91.000 immagini e mappe, la maggior parte delle quali sono gratuitamente fruibili su Flickr (https://www.flickr.com/photos/apaame/collections).
Anche se principalmente focalizzata sulla Giordania le immagini satellitari ad alta risoluzione su Google Earth permettono ricerche anche sui paesi vicini.

 

Sito del progetto: www.apaame.org

Credits: APAAME (CC BY-NC-ND 2.0)

 

Fonte: Live Science

Ultima modifica il Mercoledì, 24 Febbraio 2016 16:25

Foto del mese

  • Documentazione 3D dei danni all'antica cittadella di Palmira

    Modello 3D della Città di Palmira: confronto tra prima e dopo i danni terroristici. Progetto di documentazione ai danni all'antica città mediante tecnologie di rilievo 3D. 

Video del mese

  • La Roca Esculpida de Samaipata è un sito archeologico boliviano patrimonio dell'umanità Unesco dal 1998.

Ultimi commenti